I primi giorni di studio del CdR in assoluto hanno riunito leader locali e regionali di nove Stati membri dell’UE, nonché altri importanti pensatori del mondo accademico, del governo e delle istituzioni dell’UE. L’attenzione si è concentrata sul principio di sussidiarietà e protezione del patrimonio culturale. Entrambi i dibattiti svoltisi a Venezia sono stati di grande attualità. In primo luogo, la conferenza è stata organizzata in un momento in cui la città italiana ha subito le peggiori serie di alte maree dal 1872, con un costo stimato di 1 miliardo di euro. In secondo luogo, è stata organizzata una settimana prima della nona conferenza internazionale sulla sussidiarietà che si terrà al Senato italiano.

Le Giornate di studio a Venezia sono state organizzate il 15 novembre su invito del membro ECR e del presidente del Consiglio Regionale del Veneto Roberto Ciambetti.

“Siamo stati ispirati a organizzare questi giorni di studio dal nostro gruppo al Parlamento europeo, che ospita un evento simile, ma i nostri giorni di studio del CdR dell’ECR hanno un focus più locale”, ha affermato il presidente dell’ECR Rob Jonkman, che ha dato il benvenuto ai partecipanti e ringraziato l’hosting Membro per aver tenuto l’incontro nonostante le disastrose alluvioni che hanno colpito la città. Ha sottolineato di essere “commosso dall’entità della crisi” e che è importante che i membri ECR mostrino solidarietà alla città visitandola durante le inondazioni.

“Le Giornate di studio ECR” veneziane “si concentrano su due argomenti, che sono vicini al cuore di ogni conservatore: sussidiarietà e protezione del patrimonio culturale. Alle due sessioni partecipano illustri oratori del mondo politico, sociale e culturale e ringrazio tutti voi che siete venuti a Venezia in quel momento difficile “, ha dichiarato Roberto Ciambetti, membro ECR ospitante.

Nel primo panel, politici ed esperti hanno discusso su come l’equilibrio delle competenze sancito dai trattati dell’UE possa essere meglio preservato e le principali sfide che gli enti locali e regionali in Europa si trovano ad affrontare nell’attuazione del diritto dell’UE.

Tra gli oratori c’erano la senatrice Erika Stefani, ex ministro degli affari regionali italiano, membro del parlamento italiano Matteo Bianchi e Fenna Pols, direttore del centro di conoscenza Europa Decentraal.

I partecipanti al panel hanno sottolineato che molte norme dell’UE si sovrappongono e che gli enti locali e regionali in Europa hanno paura di porre domande ai governi centrali e alla Commissione europea, in particolare per quanto riguarda gli aiuti di Stato, poiché ritengono che ciò possa dare l’impressione di fare qualcosa di sbagliato.

La senatrice Erika Stefani ha parlato di problemi con il recepimento del diritto dell’UE nel diritto italiano. Ha sottolineato che l’aggiornamento delle leggi scritte in lingua arcaica del XIX secolo con una moderna formulazione europea pone molte difficoltà ai giudici italiani.

Fenna Pols ha sottolineato che l’istituto di diritto dell’UE che sta guidando nei Paesi Bassi, Europa Decentraal, lo scorso anno ha ricevuto oltre 20.000 domande dalle autorità locali e regionali sull’attuazione del diritto dell’UE. Ha raccomandato agli altri paesi di istituire un’istituzione simile, poiché attualmente i Paesi Bassi sono l’unico Stato membro dell’UE con tale istituto.
Il secondo gruppo si è concentrato sulla protezione della cultura e dell’identità europea.

“Sono un italiano e sono innamorato del mio paese. L’amore per l’Italia mi obbliga a difendere le tradizioni e il patrimonio culturale del popolo”, ha affermato il deputato ECR Carlo Fidanza, che ha sottolineato la necessità che l’UE rispetti meglio la sovranità dei suoi governi nazionali e concentrarsi maggiormente sulla protezione dello stile di vita europeo.

Il membro ECR Władysław Ortyl, maresciallo della regione Podkarpackie in Polonia, ha sottolineato che “il patrimonio culturale è ciò che aiuta a riunire le nostre città, regioni e paesi, sia socialmente che economicamente” e ha presentato alcune delle migliori pratiche della sua regione in Polonia, tra cui progetti cofinanziati dall’UE.

La conferenza si è tenuta a Palazzo Ferro Fini. Questa è la sede del Consiglio Regionale del Veneto, di cui il nostro Membro Roberto Ciambetti è il Presidente. Palazzo Ferro Fini è considerato “la casa dei veneti”, il luogo in cui viene celebrata la più alta forma di rappresentanza democratica nella Regione.

View Fullscreen